Antichi Mestieri

 

 

 

 

Con l’ago in mano 

 

(laboratorio dell’arte del ricamo per stare insieme, mamme e figlie raccontandosi )

 

 

 

Le origini del ricamo, nella sua funzione decorativa di tessuti usati per l’abbigliamento, si perdono nella notte dei tempi. Le antiche civiltà ce ne hanno lasciato una ricca documentazione. Un tempo semplice riempimento di zone precedentemente sfilate, sotto le mani abili delle donne di nobile lignaggio, guidate dalla fantasia e dall’inventiva, il ricamo si è via via arricchito di una infinita varietà di punti e disegni, fino a raggiungere il suo massimo splendore dal ‘500 in poi. E’ in questo periodo che nasce il merletto, evoluzione del ricamo, che non utilizza più il tessuto come supporto, ma lo crea. La richiesta di questi manufatti, che impreziosivamo abiti di uomini e donne, fu tale, che l’opera delle dame non fu più sufficiente a soddisfarla. Nacquero cosi le Scuole, che istruivano le donne del popolo in quest’arte, che fu spesso unica fonte di sostentamento della famiglia. L’avvento della società industriale distolse le donne da questa occupazione che, fin dall’800, comincio a scomparire. Nelle campagne e nelle città le ragazze, però, continuarono ad esercitare, in modo più o meno elaborato, questa attività guidate dal desiderio di abbellire il proprio corredo da sposa.

Fra i tanti mestieri a rischio di estinzione, tenuti in vita dalla passione degli ultimi sopravvissuti di una guerra che a tratti sembra definitivamente persa, quello del ricamo è forse uno dei più nobili.

Indissolubilmente legato alla storia e all’identità siciliana, ampiamente conosciuto e apprezzato il ricamo siciliano, in passato ha avuto una importanza e una diffusione che non è esagerato definire “capillare”. Non c’era famiglia che non ne praticasse l’arte, per vocazione propria, e per il forte impulso impresso allora dal mondo ecclesiale.

Il laboratorio “Con l’ago in mano “ guarda con attenzione verso nuove tendenze, mettendo a disposizione la propria professionalità, partendo da una rilettura delle proprie tradizioni.

Questa è l’ispirazione principale dell’intervento, seppure non unica, il legame con la memoria, l’orgoglio per il proprio passato,  un sentimento coltivato dai singoli e dalla comunità, il laboratorio vuole essere di aiuto a compiere il passaggio dal ricamo alla sperimentazione e all’arte, con la realizzazione di  “minitessili”,  preziose miniature che possono diventare regali originali e di gusto.

Il Laboratorio nasce al fine di contribuire anche alla diffusione, allo sviluppo, alla promozione e alla valorizzazione dell’arte e del ricamo siciliano.

Le tipologie di lavoro che si andranno a conoscere sono quelle tipiche siciliane. L’arte del ricamo rappresenta un bene culturale di notevole importanza ed in quanto tale deve essere tutelata e valorizzata;  Da parecchi anni l’associazione ha proposto in questo senso manifestazioni del settore al fine di conoscere meglio oltre che valorizzare questo tipo di ricamo.

“Con l’ago in mano”,  laboratorio di ricamo in programma ad Alcamo presso la sede dell’”Associazione Culturale Cassaru “ è previsto un corso è di primo e secondo livello  articolato in 15 lezioni. L’intervento è adatto sia ai principianti sia a chi ha già esperienza di ricamo. Durante le lezioni verranno insegnati le principali tecniche di ricamo siciliano.

Questo laboratorio artistico ha lo scopo di recuperare le antiche tradizioni artigianali legate al territorio, divulgare e incrementare la manifattura artistico-artigianale, attraverso la quale i soggetti partecipanti oltre a divertirsi, imparare e socializzare, acquistano una padronanza del fare e un potenziamento della propria autostima, dovuta alla consapevolezza di essere utili e capaci senza trascurare le possibili opportunità lavorative che l’intervento può offrire.

 

 programma dettagliato dell’iniziativa

OBIETTIVI

Il corso è finalizzato al recupero ed alla valorizzazione delle principali espressioni artistiche e artigianali legate agli antichi mestieri tipicamente femminili della tradizione locale, con particolare riferimento al ricamo artigianale.

Gli obiettivi specifici del corso, pertanto, possono riassumersi nei seguenti punti:

  • valorizzare il ruolo sociale e culturale della donna;
  • promuovere l’associazionismo femminile nel territorio;
  • valorizzare e promuovere l’artigianato artistico femminile tradizionale;
  • organizzare attività di inclusione sociale, aggregazione e coinvolgimento della compagine sociale e produttiva del territorio.

FIGURA PROFESSIONALE E SBOCCHI OCCUPAZIONALI

La figura professionale che si vuole creare è specializzata nella produzione di elaborati artistici tradizionali relativi al ricamo artigianale. Avrà competenze su uno specifico settore dell’artigianato artistico e potrà inserirsi presso aziende artigianali o pensare a percorsi autonomi di imprenditorialità.

Il programma qui riportato è solo una bozza preliminare. Il corso è di nuova attivazione e prevede una parte teorica ed una parte di laboratorio.

Durata del corso 30 ore (15 lezioni di 2 ore ciascuna, totale 5 settimane). Alla fine del corso verrà rilasciato il certificato di frequenza.

L’intervento propone l’utilizzo delle tecniche tradizionali del ricamo. Gli insegnanti,  ricamatrici d’alto livello, con esperienza lavorativa ultra decennale. L’insegnamento pratico prevede la realizzazione dei ricami che si trovano nelle riviste e in possesso e/o disponibilità degli insegnanti, sviluppando non solo le tecniche ma anche la conoscenza della progettazione dei ricami in generale. Rivolto a professionisti e principianti.

 

 programma del corso 

Presentazione del corso

Contenuti: Accoglienza – Socializzazione tra le partecipanti – Regolamento del corso. 

Storia del ricamo artistico siciliano

Contenuti: La lavorazione del ricamo artistico Siciliano e Mediterraneo – Donne e Cultura Mediterranea – Il ricamo nella Chiesa Cattolica – Le scuole di ricamo in Sicilia. 

Scelta del disegno per il ricamo e dei materiali

Contenuti: Principi di ricamo – Composizione e scelta del disegno per il ricamo – Trasferimento del disegno sulla stoffa – Scelta dei materiali – La scelta del filo. 

Tecniche miste di ricamo classico e intaglio

Contenuti: Le tipologie di base – Punti base e intaglio – Intaglio e sfilato siciliano 700 -Realizzazione di piccoli manufatti. 

Ricamo tradizionale a telaio

Contenuti: Le tipologie di base – Realizzazione di piccoli manufatti. 

Punto antico e sfilato siciliano

Contenuti: Le tipologie di base – Realizzazione di piccoli manufatti. 

Tecniche di base a fili contati: sfilatura, retini di fondo, punto croce a rovescio perfetto

Contenuti: Le tipologie di base – Realizzazione di piccoli manufatti. 

Paramenti sacri

Contenuti: La Veste nella celebrazione liturgica: Storia e significati – Parati – Mitrie – Tovaglie – Restauro – La produzione di suppellettili per la Sacra Liturgia – Il ricamo nella confezione di tuniche, casule, mitre, piviali, stole, tovaglie d’altare, paramenti – Realizzazione di  manufatti.